Fa' che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. E soprattutto medico: se magni, fumi e bevi come un cesso rotto e sei il ritratto dell'insalubrità e dell'infelicità, non mi venire a parlare di salute!!!
Ippocrate (la prima parte;))

venerdì 23 aprile 2010

La normalità nella diversità


Un bel buon giorno a tutti. Causa trasloco, ho abbandonato il mio blog per un po'. Tuttavia, ho avuto tempo di pensare tante e tante di quelle cose, che almeno qualcuna di queste, devo condividerla con voi. So della mia malattia dal 5 agosto 2008. Passato lo sgomento, la disperazione, la depressione...mi sono resa conto che ero malata e mi sentivo diversa.
D-I-V-E-R-S-A.
Un piccolo particolare, vista la gravità della situazione, ma mi mancava terribilmente l'essere, il sentirmi "normale". Oggi sono passati quasi due anni e molto è cambiato nella mia vita, ma ciò che ho piacere di condividere con voi oggi, è un concetto a dir poco banale: tutti siamo diversi e ognuno è diverso dall'altro. Oggi però io ho ritrovato la normalità nella mia diversità. E' una sensazione troppo bella. Vi auguro tanta felicità e tanta normalità.

5 commenti:

  1. DILLO A MALGIOGLIO !!! AHAHAHAHAHAHA !!!!!!!! TVTB, PICCOLA AMELIE. EMINEM

    RispondiElimina
  2. io ho fatto 4 traslochi con la mia diversità eppure ho constatato che i diversi ma senza p.... arano gli altri buona serata a tutti i" normali"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, Ivana, auguriamo buona serata anche a loro:).

      Elimina
  3. ma si, chi se ne frega!andiamo avanti ugualmente alla faccia di chi ci dice non sei "normale.e meno male che sono normali "loro".ciao

    RispondiElimina
  4. scusa giuliana io sono la prima ad essere contro la maleducazione e la volgarità, ma in questi 23 anni ne ho viste , sentite e sopportate tante adesso basta! concedimi questo sfogo. a risentirci sempre se vorrai .un abbraccio.

    RispondiElimina