Fa' che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. E soprattutto: medico, se magni, fumi e bevi come un cesso rotto e sei il ritratto dell'insalubrità e dell'infelicità, non mi venire a parlare di salute!!!
Ippocrate (la prima parte;))

martedì 8 giugno 2010

Ai miei amici sclerosetti

Ciao Sclerosetti miei. Come state? Da qualche giorno sento la necessità di scrivervi qualcosa, non so bene cosa, se non forse il desiderio di rincuorarvi, di infondervi coraggio ed esprimere la banalità più sacrosanta che io conosca: che la vita è bella. Può sembrare un concetto puerilmente pollyannesco, eppure direi che è allo stesso tempo fondamentale, e spesso ce lo dimentichiamo. Se non avessimo delle difficoltà legate alla nostra malattia, Sua Molestia come la chiama Fiamma Satta, ne avremmo delle altre. E ci arrovelleremmo allo stesso modo. Certo, la SM è molto impegnativa, sotto moltissimi aspetti...impegna il nostro fisico, la nostra mente e ci chiede sforzi, pazienza, costanza, fiducia e una forte dose di autostima e gioia di vivere e non sempre è così facile come appena descritto. Però ho intenzione di concedermi il lusso di avere una vita felice e non c'è NIENTE e NESSUNO che riuscirà a distogliermi da questo mio tentativo.
Vi auguro una buona giornata e una splendida vita.
Amélie

Nessun commento:

Posta un commento