Fa' che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. E soprattutto medico: se magni, fumi e bevi come un cesso rotto e sei il ritratto dell'insalubrità e dell'infelicità, non mi venire a parlare di salute!!!
Ippocrate (la prima parte;))

giovedì 8 luglio 2010

Emancipazione


Cari Sclerosetti, qualche giorno fa ero al'Ikea alla cassa del bar. Davanti a me una bambina affetta dalla sindrome di Down, che avrà avuto all'incirca 12-13 anni. La mamma la guardava a pochi centimetri di distanza, scostata dalla fila, mentre lei, la piccola, comprava un gelato e pagava da sola. Ha chiesto alla cassiera cosa voleva e poi, alla richiesta del corrispettivo in denaro, ha aperto il portafogli, lentamente. Pagava 1 euro e 60 centesimi e dal portafogli ha estratto una banconota da 10 euro. La cassiera, guardandola dolcemente, le ha dato il gelato e il resto, che lei molto lentamente ha riposto nel portafogli, prima prendendo le banconote e poi, le monetine, forse una ad una. Molto lentamente. C'era molta fila, ma nessuno di noi ha fatto un fiato. Civilmente. La mamma, nel frattempo, dolcemente l'ha rassicurata: "Non ti preoccupare amore. Fai con calma, perché nessuno ci corre dietro". La mamma ha protetto la sua piccola, cercando al tempo stesso di emanciparla. Mi ha scioccato la forza, la calma, l'amore e la determinazione di questa mamma. Avrei voluto congratularmi con lei, ma non osavo e non conoscevo le parole giuste da usare in un'occasione del genere. Sono scoppiata in lacrime come una cretina, incredibilmente commossa dalla scena che avevo appena visto, mentre mangiavo il mio hot dog, con Max accanto che non capiva il perché. Non aggiungo altro, mi piaceva condividere questa bella storia con voi.
Amélie

4 commenti:

  1. TI CAPISCO, AMELIE, MI SONO "COMMOSSO" IO AD IMMAGINARE LA SCENA (A PROPOSITO, SEI MOLTO BRAVA, SCRIVI MOLTO BENE E IN MODO MOLTO COINVOLGENTE ED EMOTIVO)...
    SONO DEI QUADRI DI AFFETTO SINCERO CHE AIUTANO A CAPIRE CHE QUESTO MONDO E QUESTA VITA HANNO SEMPRE UN SENSO..ANCHE SOLO PER QUESTI ATTIMI...

    RispondiElimina
  2. Ciao Cammielo, grazie per il tuo commento. Che altro dire? Mi sento di ringraziare anche e soprattutto quella splendida mamma e sua figlia.

    RispondiElimina
  3. STORIE CHE TOCCANO IL CUORE! EMINEM

    RispondiElimina
  4. Non riuscivo ad aggiungere altro, tanto ero colpita quel giorno da mamma e figlia. La mamma mi ha stravolto per la sua fermezza nel permettere alla figlia affetta dalla sindrome di Down, di EMANCIPARSI, comprando da sola un gelato in un ristorante dell'Ikea. Ci sono genitori che non permettono di crescere ai propri figli, anche quando questi sono sani, mentre questa mamma vuole che sua figlia, malata, sia comunque indipendente. Questa mamma mi ha dato una grande lezione!

    RispondiElimina