Fa' che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. E soprattutto medico: se magni, fumi e bevi come un cesso rotto e sei il ritratto dell'insalubrità e dell'infelicità, non mi venire a parlare di salute!!!
Ippocrate (la prima parte;))

domenica 24 ottobre 2010

Basta pasta


Sclerosetti, oggi bisogna festeggiare un evento importante: un mese fa smettevo di prendere l'interferone. Liberazione! Sono felice, felice, felice. Dopo tanta sofferenza, tante "influenze" e tanti dubbi , mi sono decisa a interrompere questo calvario legalizzato. L'idea non e' certo di qualche giorno fa...almeno da un anno volevo farla finita con questa cura che, invece di guarirmi, mi deprimeva, mi buttava giu' e mi faceva sentire malata. Ma ora basta pensare al triste passato...
E' tornata Amelie!

4 commenti:

  1. DOLCE AMELIE. OVVIAMENTE APPROVO LA TUA DECISIONE. IO CREDO CHE SIANO STATE PROPRIO LE "PUNTURE" A DETERMINARE IL TUO CAMBIAMENTO, PIU' CHE LA MALATTIA IN SE'. CONTINUA AD ESSERE PRUDENTE SU TUTTO, E SE NE HAI BISOGNO, FAMMI UN FISCHIO. TVTB, M&M

    RispondiElimina
  2. Hai centrato il punto e, devo ammettere, mi stupisci sempre di più. Grazie!
    Amélie

    RispondiElimina
  3. ciao ........
    ti ho gia' detto che io non sono d'accordo nella sospensione del farmaco va deciso da chi ci tiene in cura, ma conplimenti la decisione e' inportante e conbattuta
    sai una volta avrei voluto fermarti e parlarti ,a me sembrava come un richiamo i nostri sguardi e saluti ma sinceramente mai ho trovato il coraggio di chiederti delle cose fino l'altro giorno

    RispondiElimina
  4. Noi siamo i migliori medici di noi stessi. Mi spiace, non sono d'accordo con te.

    RispondiElimina