Fa' che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. E soprattutto medico: se magni, fumi e bevi come un cesso rotto e sei il ritratto dell'insalubrità e dell'infelicità, non mi venire a parlare di salute!!!
Ippocrate (la prima parte;))

mercoledì 25 giugno 2014

Come me senza te

Quante parole si spendono sull'amore? Tante. Ma chi può veramente di capire la scienza inesatta per eccellenza? Io mi interrogo spesso sui perché e sui come che spiegano solo parzialmente e momentaneamente il mistero, uno dei misteri più grandi che ci sia. Perché si ama? Perché si ama quella persona? E quanto dura l'amore? Come mai ci si impegna per sempre e, a volte, non ci si riesce...Da qualche giorno ascolto questa canzone dolcissima (link qua sotto) e, essendo in portoghese, non potevo comprenderne le parole. Tuttavia, a istinto, di pancia, ne carpivo l'estrema dolcezza con cui spiega cos'è l'amore: un bambino senza ciuccio, il calcio senza palla, Titty senza il gatto Silvestro, me senza te. L'amore...dannazione e paradiso al tempo stesso. Ma come si può definire?!! Chi lo sa?! 


Mi sto chiedendo cosa sia l'amore...se si tratta passione, ossessione, sospiri, farfalle nello stomaco e/o rispetto, ascolto, dedizione, sostegno, giorni sempre uguali. Una dolce routine o l'impossibilità di respirare alla vista della persona amata. Mi rendo conto che mi interrogo su qualcosa che credo di conoscere e penso di avere, ma che in realtà non possiedo. L'amore non puoi trattenerlo eppure trattiene te. Per sempre

Un amore, qualunque amore, ci rivela nella nostra nudità, miseria, inermità, nulla.      
                                               Cesare Pavese


2 commenti:

  1. Ciao Giuliana era da un po' che non venivo sul tuo blog, purtroppo non mi giungono le notifiche dei tuoi nuovi post, credo per qualche impostazione nei tuoi feed, poi gli impegni non ti dico.
    Ora vedo che hai pubblicato dei tuoi pensieri tutti belli e sinceri, come al solito.
    In merito a questo post mi è capitato proprio oggi di farmi la stessa domanda: cos'è l'amore.
    Non ne ho cavato un ragno dal buco.
    Potrebbe essere come se l'acqua del mare volesse sapere cos'è il bagnato, è una percezione, ma è anche una condizione fisica e lei stessa incarna quello che non riesce a spiegarsi.
    Forse non riusciamo a spiegarci l'amore perchè noi stessi siamo l'amore, come una goccia nel mare non saprebbe spiegarsi il mistero della sua esistenza.
    Una cosa è certa, non possiamo farne a meno è un'essenza vitale.
    Forse è quello di cui si ciba il nostro cuore?
    A presto.

    RispondiElimina